Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Partiture Visive Performing Dinner

— Galleria Bianconi Milano - mercoledì 19 aprile h. 19.00 —

19/04/2017

 Negli spazi della mostra “Partiture Visive” a cura di Vittoria Coen, gli artisti Andrea Bianconi, David Reimondo e Aldo Spinelli coinvolgeranno lo spettatore a partecipare attivamente all’esperienza artistica della mostra, attraverso una suggestiva “Performing Dinner” articolata in diversi momenti, dall’azione al ludico, alla sensorialità gustativa.


Come scrive la curatrice Vittoria Coen, la mostra “Partiture Visive” è un progetto transgenerazionale che indaga la relazione che si crea tra pubblico attivo e opera d’arte, quale concreta manifestazione dell’esistenza stessa dell’opera, esplicita e mette in dialogo alcuni dei percorsi alternativi alla tradizionale esposizione del “feticcio - oggetto artistico”- con opere che vanno dal 1923 (Man Ray, Indistructible object) al 2017 (Andrea Bianconi, The amazing maze), con l’obiettivo di sollecitare lo spettatore a entrare e partecipare alla sua manifestazione.


Nel filo di Arianna intessuto dalla curatrice e dalla gallerista, in oltre un anno di lavoro, i tre artisti, Andrea Bianconi, David Reimondo, Aldo Spinelli, daranno vita ad azioni partecipative che si relazioneranno con il pubblico attraverso i linguaggi che più contraddistinguono le loro rispettive ricerche artistiche. David Reimondo, la cui ricerca si basa su nuovi segni e nuovi suoni per un diverso alfabeto, ci condurrà in un inedito universo cromatico nato dall’interazione fra materia e tecnologia. Aldo Spinelli, ispirandonsi al “Solitaire” di George Brecht della sua personale collezione, condurrà lo spettatore nell’antro ludico dell’Arte, in bilico fra pensiero e gioco. Infine, immergendosi negli spazi della grande installazione ambientale “The Amazing Maze” di Andrea Bianconi, l’artista coinvolgerà il pubblico facendoli divenire essi stessi parte dell’opera, tanto da renderli attori attivi e direzionali della stessa. Al termine di tali emozioni un accompagnamento distensivo con la curatrice Vittoria Coen e la gallerista Renata Bianconi alla scoperta delle opere degli altri artisti in mostra -Vincenzo Agnetti, Eros Bonamini, George Brecht, Giuseppe Chiari, Philip Corner, Jackson Mac Low, Eugenio Miccini, Yoko Ono, Nam June Paik, Ben Patterson, Man Ray – culminerà con una cena in cui i partecipanti potranno vivere un rapporto diretto e personale con gli artisti delle performance.


Un omaggio speciale realizzato sul momento dai tre artisti sarà dedicato ai soli partecipanti all’evento, che avranno, anche l’occasione di poter acquistare l’edizione limitata presentata in assoluta anteprima, del gioco d’artista Performing Dinner ideato in collaborazione dai tre artisti in esclusiva per l’evento.La partecipazione all’evento è a numero chiuso al costo di 50 € a persona, la quota comprende la partecipazione ai tre aventi performativi, visita guidata alla mostra Partiture Visive, cena con gli artisti e omaggio.


Con il tuo contributo, stai sostenendo la campagna di crowdfunding “Be part of that’s contemporary” sulla piattaforma BeArt.


Per partecipare:www.beartonline.com/projects/1472/be-part-of-that-s-contemporary - seleziona il menu Ricompense e scegli il reward “Performing Dinner”.


Per maggiori informazioni vai su:www.thatscontemporary.com  nella sezione Projects oppure manda una mail a press@thatscontemporary.com o info@galleriabianconi.com

Salvatore Arancio Studio Gallery Visit

— Federica Schiavo Gallery Milano - mercoledì 17 maggio h. 19.00 —

17/05/2017

Salvatore Arancio, artista invitato da Christine Macel alla 57a Esposizione Internazionale d'Arte organizzata dalla Biennale di Venezia, farà una visita straordinaria, il giorno prima dell’opening della sua personale “And These Crystals Are Just like Globes of Light”, presso la Federica Schiavo Gallery di Milano.


L’incontro avverrà in dialogo con la gallerista Federica Schiavo, nel contesto intimo di una mostra non ancora del tutto allestista - l’opening al pubblico è previsto per il giorno dopo - occasione unica per ascoltare i racconti del progetto per la Biennale e vedere in anteprima la mostra, che presenterà alcune opere create da Arancio per il progetto alla Kunsthalle Winterthur (2016), insieme a nuovi lavori.


Salvatore Arancio è uno dei 5 artisti italiani scelti per il padiglione principale della manifestazione lagunare, il suo lavoro sarà diretto a creare un'esperienza enigmatica, sospesa, primordiale, attraverso la promessa di un accrescimento della capacità creativa dello spettatore. L'interesse principale al centro della sua pratica artistica risiede nel potenziale delle immagini, Arancio è interessato al modo in cui le immagini e i loro significati, possono essere espressi o rielaborati, gioca con i simboli mirando sempre a conservare nelle opere una certa ambivalenza. Quest’aspetto si manifesta attraverso l'uso di diversi mezzi espressivi come la ceramica, l'acquaforte, il collage, l'animazione e i video.

Tour della Darsena

— sabato 25 marzo 2017 —

25/03/2017

Il tour della Darsena è stato pensato dallo staff di that’s contemporary nell’ambito della campagna di crowdfunding per il restyling della piattaforma web, "Be part of that’s contemporary”. Avrà inizio dall’Edicola Radetzky (Viale Gorizia, Milano), con il fine di creare un percorso in cui gli amanti dell’arte possano scoprire spazi intimi della produzione artistica.


Il fascino della Darsena risiede nel suo essere luogo di sperimentazioni artistiche non condizionate dal circuito espositivo più consolidato, dove è ancora possibile percepire quell’energia creativa che precede la realizzazione ed esposizione dell’opera d’arte. La Darsena è luogo prescelto da molti operatori del settore, per sperimentare e perdersi in lunghe chiacchierate sull’arte e le sue tante derive. Quel che si è cercato di fare è tracciare un percorso invisibile, in dialogo con l’atmosfera della zona e articolato dalla scelta di spazi solitamente chiusi al grande pubblico, in cui l’arte più che essere osservata vuole essere raccontata. Il tour inizierà dall’Edicola Radetzky, una piccola “stanza delle meraviglie” affacciata sulla Darsena, che promuove la ricerca artistica più attuale attraverso mostre dalla cadenza mensile, principalmente dedicate alla scultura e all'installazione. Otto Zoo che ci accoglierà insieme all’artista americano Jacin Giordano nella fase d’allestimento della mostra "Hunting in the Valley of Color and Plastic". Gli atelier degli artisti Bruno Marrapodi e Carlo Alberto Rastelli, diversi ma entrambi accumunati da una pittura che nel suo nutrirsi delle suggestioni presenti, ha uno sguardo sempre ben attento a un glorioso passato. Infine, il piacevole Lido Liquor Bar, che da anni affianca al servizio beverage una ricerca che si muove nel campo musicale e letterario, dove ci si potrà soffermare a gustare un buon bicchiere di vino offerto da Lido approfondendo le conoscenze con i vari ospiti.

ArtDate Experience

— domenica 15 maggio 2016 —

15/05/2016

Nell’ambito di The Blank ArtDate - La Città dei destini incrociati - la VI edizione della manifestazione di arte contemporanea che si svolge tra il 13, 14 e 15 Maggio 2016 a Bergamo - l’associazione The Blank, in partnership con that’s contemporary, organizza domenica 15 maggio ArtDate Experience, una visita esperienziale pensata per tutti gli appassionati d’arte, interessati a prendere parte alle più esclusive iniziative della terza giornata del festival, quest’anno ispirato al romanzo di Italo Calvino “Il castello dei destini incrociati” e ai Tarocchi Colleoni-Baglioni che ne corredano le pagine.


I partecipanti saranno accompagnati da Milano a Bergamo e avranno l’occasione unica di trascorrere una giornata a contatto con alcuni tra i principali artisti della scena nazionale, guidati da professionisti del settore. Si potrà osservare da vicino la nuova opera di Ettore Favini, FINITO #3, (2013) collocata nel suggestivo scenario dell’Orto Botanico di Bergamo Alta; visitare in esclusiva gli studi d’artista di Emma Ciceri, Adrian Paci e Francesco Pedrini, luoghi che sono generalmente inaccessibili al pubblico; vivere un momento unico e irripetibile assistendo alla performance di Sara Benaglia e Barbara Boiocchi, ‘Prefazione - Performance in Tre Atti’ nella splendida cornice di Città Alta. Infine si potrà partecipare in prima persona all’inaugurazione della mostra MICR∞NDE realizzata nel contesto della residenza artistica The Blank Residency.ArtDate Experience sarà inoltre un’occasione per scoprire i luoghi più suggestivi di Città Alta: Piazza Vecchia, Cappella Colleoni, Santa Maria Maggiore, per finire nel punto panoramico di Colle Aperto.


ArtDate Experience è un servizio attivato nel contesto di Art in Network, progetto nato dalla partnership tra l'associazione The Blank e that's contemporary nell'ambito del progetto fUNDER35. Con Art in Network si forma una rete di professionisti dell’arte, gli art ambassador, che si impegnano a condividere la loro conoscenza del territorio, così contribuendo ad una diffusione orizzontale della cultura.


Partenza: domenica 15 maggio 2016, da Milano alle ore 10.30


Ritorno: domenica 15 maggio 2016, da Bergamo alle ore 21.00


Contributo a persona: euro 65


(comprensivo di viaggio, spostamenti interni, pranzo e aperitivo serale)

TREE OF LIFE

— ROBERTO CACCIAPAGLIA PER THAT'S CONTEMPORARY —

08/04/2016

In occasione di miart – Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea, edizione 2016, that's contemporaryquest'anno ha un ospite speciale. Allo stand ST. 15 sezione editoria accadono cose straordinarie, il noto compositore e pianista Roberto Cacciapaglia, che con le musiche di Tree of Life ha emozionato il mondo intero, sarà presente in un'installazione audio/video con alcuni brani selezionati per quest'evento speciale. In una fiera così densa di stimoli e contenuti che richiedono massima attenzione sia per chi ci lavora che per i visitatori, si è pensato di proporre un cortocircuito, allestendo una postazione dove poter fermarsi e ricaricarsi. Per l'occasione sono state scelte in anteprima alcune musiche del tour Tree of Life, che inizierà a Firenze il 7 maggio, poi a Roma il 9 maggio infine a Milano il 16 maggio e che nei giorni di Miart, si potranno ascoltare in autonomia.

Questa collaborazione è nata in modo spontaneo dopo un'intervista che Giulia Restifo, fondatrice di that's contemporary, ha fatto a Roberto Cacciapaglia. I molteplici incontri occasionali presso gallerie d'arte e inaugurazioni che li vedevano protagonisti, avevano alimentato la curiosità di scoprire, quale fosse il legame che portava il famoso pianista a frequentare questi contesti. Così è iniziato uno straordinario dialogo sull'arte e le sue contaminazioni che ci fa capire quanto, infondo, le differenze siano solo delle etichette poste su un tutto molto più fluido e collegato.
Quindi non resta che prendersi una pausa e ascoltarlo.

Intervista  www.thatscontemporary.com/hideout/#article-2

That's Valley

— La Valle dei Segni —

05/05/2015





That's Valley è un progetto di valorizzazione territoriale attraverso una mobile app per iOS e Android che guida attraverso gli itinerari di arte contemporanea, design e innovazione della Valle Camonica. Connettendo luoghi, opere e persone, That’s Valley ti porta a esplorare e conoscere lo spazio accanto a te. Mappa le residenze artistiche più importanti, le botteghe e le opere d’arte distribute nella Valle, attraverso una mappa geo-temporale che segnala il succedersi di eventi e iniziative, che approfondisce con immagini e testi curatoriali.


La Valle si arrichisce costantemente di opere d’arte site specific grazie a iniziative quali  aperto_art on the border, CaseSparse | Tra l’Etere e la Terra e il Borgo degli Artisti di Bienno, e ad oggetti di design contemporaneo con i network nati da Segno Artigiano e Sapori e Design. 

Progetto del Distretto Culturale di Valle Camonica e that’s contemporary. 

Sviluppato da that’s contemporary. 




AIR - artinresidence

— The network of residences —

01/04/2015


Il network AIR - artinresidence è una piattaforma dedicata alle residenze d’artista.


Il progetto è nato nel 2010, da un’idea di FARE, con lo scopo di essere un punto di riferimento per tutte le residenze d’artista italiane. Oggi AIR - artinresidence acquisisce attraverso la sua implementazione all’interno della piattaforma that’s contemporary una nuova interfaccia e nuovi servizi che agevolano lo scambio e la comunicazione con l’intento di favorire il dialogo interculturale.


Il portale offre informazioni sulle residenze registrate e segnala news, eventi e open call. Inoltre, la piattaforma promuove il servizio sleep in, un modo trasversale e innovativo di viaggiare, alloggiare in una residenza – a contatto con gli artisti – e ricevere informazioni sulla programmazione culturale del territorio di riferimento.


AIR - artinresidence è un progetto di FARE realizzato in collaborazione con GAI – Associazione Circuito Giovani Artisti Italiani, in partnership con that’s contemporary, con il contributo di Regione Lombardia, Open Care e Fondazione Cariplo


www.artinresidence.it


The Witness (Il testimone)

— An Instagram Narrative Account —

05/05/2015





The Witness (il testimone) è un progetto curatoriale di Simona Squadrito che utilizza come spazio espositivo l’account Instagram di that’s contemporary. Il profilo viene affidato di volta in volta ad un artista o un curatore che per undici giorni lo amministra condividendo con il pubblico un archivio personale di immagini e video in continuo divenire.


Tra gli artisti che hanno partecipato al progetto si annoverano (in ordine sparso): Dario Giovanni Ali, Rossella Farinotti, Martina Bassi, Tomas C. Toth, Michele Gabriele, Lorenza Boisi, Michela de Petris, Derek Maria, Francesco Di Fabio, Andrea la Rocca, Alessio Anastasi, Lia Cecchin, m, Sebastano Impellizzeri.


 





The Art Pacemaker

— VISITA GUIDATA PODISTICA NON COMPETITIVA —

16/03/2013


The Art Pacemaker è una performance degli artisti Franco Ariaudo e Driant Zeneli curata da that's contemporary. The Art Pacemaker è una visita guidata su iscrizione per gli spazi cittadini dell’arte contemporanea. Una performance collettiva organizzata sulla falsa riga di una manifestazione podistica non competitiva. Gli artisti come ciceroni introducono le opere ai partecipanti, soffermandosi per ogni spazio su un’unica opera. Gli spostamenti rapidi e l’attenzione per i singoli lavori, sono mirati ad ottenere la sensazione, una volta conclusa la gara, di aver visitato e vissuto non tanti luoghi, ma un unico grande diffuso in città. Il video The Art Pacemaker è stato presentato a miart 2013 ed è accompagnato da una registrazione di una radiocronaca andata in diretta su Radio Città del Capo durate la performance. Conduttore: Massimo Marchetti. Inviato / Disturbatore necessario: Marco Tagliafierro. 


page1image15784


That's App

— Guida mobile degli eventi e spazi di arte contemporanea —

03/04/2013

That's App è una guida selezionata degli eventi e luoghi di arte contemporanea a Milano. Individua gli eventi vicino a te e i percorsi più veloci per raggiungerli. Organizza i tuoi  appuntamenti favoriti sul tuo profilo personale e nella tua agenda dell’iPhone. Fornisce una esauriente scheda informativa sia dei luoghi che degli eventi con immagini, testi, date, orari di apertura e contatti e permette di condividerli con i tuoi amici tramite Facebook, Twitter, email e sms. That's App contiene una sezione Special Event per ospitare gli appuntamenti di arte contemporanea cittadini più rilevanti. Nella nuova versione, That's App presenta due nuove caratteristiche. That’s Pick consiglia e commenta gli eventi migliori della settimana e Let’s Read ne raccoglie articoli di interesse.  Scarica That's App per iOS e Android.


That's App è resa possibile grazie al supporto di Rottapharm | Madaus. Sviluppo App: Luca Corti e Stefano Fattorusso


Per supporto tecnico scrivici.

S.A.V.E. Milan

— Ambra Pittoni e Paul-Flavien Enriquez-Sarano // Ze Coeupel —

08/09/2012 - 08/10/2012

S.A.V.E. Milan è un nuovo episodio di S.A.V.E., opera d’arte in continua evoluzione, creato da Ambra Pittoni e Paul-Flavien Enriquez-Sarano // Ze Coeupel, strutturato in varie tappe curate da that’s contemporary in collaborazione con FARE, Museo del Novecento, Careof DOCVA ViaFarini e Lucie Fontaine. S.A.V.E. è un’agenzia di investigazione con sedi temporanee, nata a Berlino nel 2009. Si occupa di escogitare soluzioni strategiche volte ad affrontare il cruciale passaggio storico che il mondo sta vivendo… A Milano, S.A.V.E. esplora fragilità e potenzialità del sistema dell’arte e il ruolo dell’artista rispetto al terreno instabile su cui opera. 


www.savemilan.it

IO TE E IL MARE

— Residenza Estiva —

08/12/2012

IO TE E IL MARE is a residency on the volcanic Sicilian island of Lipari 12th - 24th August 2012. Organized by that's contemporary, this project runs in dialogue with Volcano Extravaganza. A ten-bedroom farmhouse in Pianoconte, the highest vantage point on the island, is the base where our micro community will be established to generate a domain of exchanges and playclandestine approaches to the surroundings. On the 19th August the residency will be opened to the public. On this date, the Volcano Extravaganza participants will join us in Lipari in an approach towards the impossible community, the perceived imaginary of landscape. Local is contrary and interactions are porous. This is the island. Curated by Francesca Baglietto and Amy McDonnell. Coordinated by Giulia Restifo and Giulia Giordano. Participants: Alterazioni Video, Gianandrea Caruso, Paolo Chiasera, Chien-Ni Hung, Amy Exton, Davide Giannella, Antonio Grulli, Raffaella Pontarelli, David R, Sven Sachsalber.


http://ioteeilmare.wordpress.com


 

LET'S READ

AUCTION CENTRAL NEWS - Art Market Italy: Art on the Aeolian Islands Residency on volcanic island - Autodespair

Tango Illegal

— Accade una notte d'estate a Milano —

04/05/2012

Alla festa Accade una notte d'estate a Milano organizzata alla Fabbrica del Vapore Insieme a STARTMilano e Careof DOCVA ViaFarini, il gruppo Tango Illegal ha compiuto unʼaltra incursione, questa volta orchestrata da thatʼs contemporary. Tango Illegal vive al di fuori dei consueti canoni delle milonghe e lʼassoluta libertà che caratterizza queste incursioni si esprime nella libera scelta del luogo, dellʼorario, della musica e del suo svolgimento. La combinazione sempre diversa di questi elementi e dei partecipanti crea ogni volta un Illegal diverso. Non ci sono regole. Per il suo secondo intervento in città, thatʼs contemporary non mostra un luogo ma unʼespressione artistica ed un gruppo aperto che occupa dei luoghi non per possederli ma per rivitalizzarli temporaneamente.


That's Meet

— E IL TOPO | Ambra Pittoni | Traslochi Emotivi —

13/04/2012

that’s contemporary con la collaborazione di Careof DOCVA Viafarini e il sostegno di START Milano, reinterpreta lo spazio storico milanese di Ca’ Laghetto attraverso gli interventi artistici di E IL TOPO, Ambra Pittoni e Traslochi Emotivi. La scelta della location sottolinea l’impegno di that’s contemporary nello scoprire e svelare i luoghi di Milano dediti all’arte e alla cultura. All’interno di questo suggestivo contesto, E IL TOPO presentano proiezioni di immagini, collezionate attraverso l’open-call lanciato per la realizzazione del numero di rinascita dell’omonima rivista. Ambra Pittoni condivide discorsi dell’arte di Berlino raccontando mappe di testimonianze e azioni, che connette al contesto artistico milanese. TRASLOCHI EMOTIVI invita Edlira Mullaj, Ichrak Taha, Ruggero Baisi e Brenda Hernandez Campos, accompagnando gli ospiti di Cà Laghetto nell’esperienza del racconto, attraverso la ritualità e l’incontro. 

that's contemporary

— Il network di arte contemporanea a Milano —

01/10/2011

www.thatscontemporary.com è un portale web pensato come una guida pratica che consente di orientarsi nella programmazione di arte contemporanea a Milano. Sviluppo web: Mosne